La bellezza salverà il mondo

La bellezza salverà il mondo

Ciao a tutti e benvenuti all’interno di questa nuova rubrica intitolata “Riflessioni Positive”.

Oggi si aprono le porte di un mondo fatto di spazi infiniti e meraviglie nascoste tutte da scoprire. Insieme conosceremo l’arte in tutte le sue strabilianti forme e riscopriremo la cultura del bello, approfondendo i grandi temi e quesiti primordiali dell’uomo. Questa rubrica nasce con lo scopo e la necessità di riavvicinare e rieducare l’uomo alla bellezza intesa come forma di cultura, al fine del raggiungimento di uno stato di benessere psichico ed emotivo. È incredibile pensare come certe idee e certi valori che ci vengono trasmessi dalla letteratura e dall’arte precedente al nostro tempo siano straordinariamente attuali e non finiscano mai di insegnare qualcosa che vada al di là dell’informazione sterile. Forme d’arte come la pittura, la scultura, la musica e la poesia sono in grado di smuovere all’interno dell’animo umano emozioni e sensazioni inspiegabili e sempre nuove. La poesia, ad esempio, per citarne una fra le tante, è una forma d’arte di assoluta bellezza, per il semplice fatto che vive in noi e con noi, la poesia è ovunque, anche nella nostra quotidianità. È nel fischio del vento e nella percezione che il corpo ha del suo soffio, la poesia è nella risacca del mare, nella morbidezza di un prato, in una strada buia, e nella luce fioca di una stanza. La poesia è in un tenero abbraccio, in un bacio, in una parola detta, in un timido sguardo…la poesia in conclusione è ovunque vi siano emozioni e sensazioni. Ritornando a noi invece, ci tengo a far presente per quale motivo abbia deciso di usare questo titolo sicuramente provocatorio, servendomi della celebre frase che nel 1869 lo scrittore russo Fedor Dostoevskij fece dire al personaggio protagonista del romanzo “L’idiota” una frase davvero incredibile, che induce il lettore ad profonda e naturale riflessione:” La bellezza salverà il mondo”. Myškin è il figlio di una nobile famiglia decaduta, appartenente all’aristocrazia russa, che però a causa della sua ingenuità cade vittima di un giovane con carattere deciso, figlio di un mercante, venendo incastrato in affari poco puliti .Il protagonista a causa della sua ingenuità non riesce a difendersi, ragione per cui viene definito nel titolo stesso “L’idiota”, un titolo che descrive appieno le caratteristiche del ragazzo, ma allo stesso tempo è quasi assurdo pensare che sia proprio lui a pronunciare una frase di tale profondità. “La bellezza salverà il mondo” credo sia una delle affermazioni che meglio descrivono ciò che si dovrebbe preservare e difendere, poiché solo difendendo il nostro patrimonio potremo continuare a vivere, e a sentirci vivi, ma nel momento in cui accetteremo passivamente compromessi e deturpamenti della nostra cultura, non potremo fare altro che assistere passivamente al nostro stesso declino. Nell’epoca nella quale ci troviamo a vivere, epoca nella quale alla cultura prevale il totale e assoluto disinteresse, l’uomo comincia a soffrire, e si contorce nel suo malessere senza però riuscire a capire di essere lui stesso la causa del suo dolore. È per questo apparentemente banale motivo che nasce la necessità, in tempi così bui, che l’uomo ritorni sui suoi passi e riacquisisca l’importanza e la consapevolezza di quanto l’arte nella sua interezza abbia giovato alla sua esistenza, formandolo come uomo e aiutandolo a capire il mondo che lo circonda, riuscendo così a raggiungere uno stato di benessere. L’unica “arma” contro il progressivo declino della nostra società è e sarà sempre la cultura. Il concetto di cultura in sé presuppone qualcosa di bello, ed ecco il motivo per il quale si deve ritornare ad un’autentica rivalutazione dei classici e si deve continuare ad educare le menti al “bello”. La bellezza, in conclusione, forma di assoluta astrazione e concettualità che di per sé contiene una gran mole di significati, racchiude in sostanza ciò che garantisce l’identità dell’uomo, attraverso le diverse manifestazioni artistiche.

Luca

Tracciamento

Nessun tracciamento disponibile per questo articolo.

2 comments

  1. Complimenti, molto affascinante e veritiero il pensiero che hai voluto trasmettere con questo breve ma intensissimo articolo. Non vedo l’ora che c’è ne siano altri di questa rubrica!

    Reply
    1. Grazie! Davvero di cuore, certo, ci saranno tanti articoli, scritti, poesie e riflessioni...Felice giornata

      Reply

Lascia un commento