Amore ed Arte, un profondo legame

Amore ed Arte, un profondo legame

Molti grandi artisti nel corso della loro vita hanno realizzato meravigliose opere ispirandosi al tema dell’amore e ognuno di loro lo ha rappresentato e raccontato in modo diverso. L’artista condannato a convivere con una spiccata e fragile sensibilità è stato capace di rendere questo complesso sentimento timido e al tempo stesso passionale, estremamente reale e straordinariamente surreale. L’amore non è unico ed immutabile, ed è quindi necessario lasciarsi andare per poter permettere ai nostri occhi di capire ed apprezzare qualcosa di incomprensibile ma assolutamente meraviglioso. Tra le opere simbolo di un amore passionale è difficile non far riferimento a “Il bacio” di Klimt, un’opera che nella sua semplicità parla di amore, sensualità e romanticismo attraverso le forme morbide e sinuose che vestono di eleganza e grazia i soggetti, e alla famosissima scultura del Canova “Amore e Psiche” che con l’armonia delle forme e la bellezza perfetta delle figure, ha creato l’icona di un amore ideale ed etereo. La mente dell’uomo però ancora fatica a scindere il sesso dal concetto di proibito, forse per via di una pressante influenza culturale e sociale, eppure l’amore è anche carne e non solo anima. «Nessuna opera d’arte erotica è una porcheria, quand’è artisticamente rilevante» così parlava Egon Schiele che nei suoi disegni, sinonimo di assoluta bellezza, riesce rappresentare questa spregiudicata vitalità, andando contro i canoni sociali imposti di inizio 900. Proprio ne “Gli amanti” La nudità dei corpi si intreccia perfettamente nella sua naturalezza così com’è giusto che sia. Il quadro oltre ad evocare la peccaminosità del corpo, rievoca la sua natura istintiva che si antepone perfettamente all’idealità che si è costruita con il tempo attorno a questo sentimento. La carnalità c’è, esiste, ma non è considerata peccato, perché non è perversa, ma assolutamente naturale, reale, ed anche teneramente rassicurante. Schiele nel corso della sua vita fu interessato e affascinato dal dualismo tra Amore e Morte che riuscì a cogliere attraverso l’ironia e vitalità che l’amore e il sesso sanno donare. In conclusione è possibile affermare che l’amore, a prescindere dalla sua natura che sia carnale o platonica, vissuto a pieno nella travolgente passione o nel silenzio di un’intima timidezza è un sentimento che scuote e meraviglia l’uomo, lo confonde e lo allontana dall’amara realtà, inondando di abbagliante luce la sua esistenza, ma soprattutto gli permette di  comprendere chi è davvero nel momento in cui si rende conto di potersi vedere riflesso attraverso gli occhi di chi sceglie di amare, e avere accanto, vivendo così una vita in una nuova prospettiva, che risalterà il suo essere uomo.

Luca

 

Tracciamento

Nessun tracciamento disponibile per questo articolo.

Lascia un commento