Meditazione

Meditazione

Che cos’è la meditazione? 

La meditazione è uno stato mentale in cui si sviluppa la capacità di isolarsi, non solo dai pensieri ma anche dalle sensazioni esterne. La mente è vigile e presente ma in una condizione di “vuoto”, non ci sono emozioni, non ci sono sapori, odori, rumori e sensazioni del corpo. Questa condizione semplicemente è uno “stare”. Le tecniche meditative sono molteplici e includono la pratica dei mudra e la recitazione dei mantra, la visualizzazione ma anche la semplice osservazione del proprio respiro o di alcune parti del proprio corpo. La cosa positiva anzi super positiva è che, non è necessario raggiungere lo stato meditativo completo per iniziare a percepire i benefici della meditazione, anzi il fatto stesso di scegliere di sedersi, o sdraiarsi, e chiudere gli occhi, e di rilassare il corpo e di preparare l’attenzione al nostro respiro è già, un gesto potentissimo. Nel tempo con fiducia e amorevolezza può portare un sacco di benefici, infatti questa attenzione e cura, che meditando rivolgiamo al benessere della nostra mente ci permetterà col tempo di guardare a noi stessi con occhi nuovi. Impareremo a conoscerci a capirci e anche a gestirlo perché la realtà è che la nostra mente è facilmente condizionabile, essa non è in grado di riconoscere la differenza tra un’esperienza reale ed una che abbiamo solamente immaginato.  Quindi se durante le pratiche di meditazione dedicheremo del tempo a vederci rilassati consapevoli e sicuri di noi stessi allora noi staremo effettivamente facendo esperienza dello stato di rilassamento, staremo regalando alla nostra mente e con il tempo ci ritroveremo a vivere con più consapevolezza “del come ci stiamo portando avanti”. Ti assicuro che sono migliaia di anni che gli esseri umani ricorrono alla meditazione per migliorare le loro condizioni di vita. 

La meditazione aiuta a gestire stress ansia e depressione 

Nel corso delle pratiche di meditazione si utilizzano alcune tecniche come le visualizzazioni e mantra o la semplice osservazione del respiro per rilassare e direzionare il flusso dei nostri pensieri in modo d’ introdurre nella nostra mente lo stato positivo di salute fisica e mentale che vogliamo raggiungere o vivere.   

 Esempio..se in un determinato periodo della nostra vita ci sentiamo particolarmente sovraccarichi, di impegni, pensieri e sensazioni negative potremmo utilizzare alcune tecniche specifiche per generare dentro di noi stessi, quelle sensazioni di silenzio e rilassatezza che vorremmo vivere ripetere questa esperienza più volte con regolarità ci permetterà col tempo di familiarizzare con essa, per questo che la meditazione è uno degli strumenti migliori che abbiamo a disposizione per la gestione dello stress. 

Lo stress infatti è una relazione che avviene nel corpo e nella mente come risposta ad una situazione di allarme, se non esistesse non sapremmo riconoscere i nostri momenti di difficoltà, non sapremmo identificare le situazioni che ci fanno stare male e di conseguenza non matureranno mai il desiderio di cambiare quella situazione.  

 Esempio… a causa di problematiche lavorative o familiari ma anche come conseguenza della semplice incapacità di organizzare o gestire le situazioni ecco allora che lo stress si trasforma in stress nocivo per l’organismo viene anche chiamato “distonia” e che tendenzialmente può manifestarsi in vari modi a livello fisico 

Lo stress può avere centinaia di possibili manifestazioni fisiche fra queste le più frequenti sono: 

Mal di testa, mal di schiena, difficoltà a digerire il cibo, tensione nel collo e nelle spalle, tachicardia iper sudorazione, disturbi del sonno, perdita di appetito, stanchezza cronica, problemi di natura sessuale indebolimento generale del sistema immunitario. 

A livello comportamentale 

A livello comportamentale lo stress si manifesta in atteggiamenti non positivi e ripetuti nel tempo come ad esempio digrignare i denti, alimentazione compulsiva, maggiore predisposizione a sviluppare dipendenze atteggiamento critico verso gli altri arroganza e comportamenti prepotenti difficoltà a portare a termine i compiti. 

A livello emozionale 

 le peggiori manifestazioni dello stress probabilmente sono quelle legate alle emozioni e di cui facciamo esperienza soprattutto dentro noi stessi.  esempi possono essere: tensione, rabbia, nervosismo, ansia, infinito dialogo interiore, crisi di pianto frequenti, senso di impotenza predisposizione ad agitarsi o sentissi svolti. 

A livello cognitivo 

 Ovviamente lo stress, se ci troviamo coinvolti in una situazione eccessivamente stressante sarà facile avere difficoltà a pensare in maniera efficace ed a prendere decisioni chiare e consapevoli. Potremmo perdere il senso dell’umorismo mancanza di creatività fortunatamente.  Grazie alla meditazione è possibile imparare a riconoscere comprendere e di conseguenza gestire i fattori che alimentano questa condizione di stress diminuendo o eliminando le sue manifestazioni, a livello biologico la pratica della meditazione regola la secrezione del cortisolo l‘ormone dello stress e favorisce la produzione di serotonina, ormone della felicità. 

La capacità di mettere in fila i pensieri e di affrontare le situazioni in modo più organizzato questo ci permette anche di gestire meglio i disturbi provenienti dalla nostra sfera emozionale, come la depressione, ci sono alcuni studi scientifici che dimostrano che  30 minuti di meditazione al giorno possono contribuire notevolmente a ridurre questa tipologia di disagi. 

 Già da molti anni  troviamo nella medicina tradizionale come alternativa ai farmaci antidepressivi inoltre la pratica di determinate tecniche meditative come la visualizzazione, hanno la capacità di indurre uno stato mentale positivo e la pratica della respirazione cosciente utilizza durante la meditazione contribuisce ad equilibrare il sistema nervoso, meditando impariamo a distaccarci dalla relazione e con le nostre emozioni, generando quindi chiarezza mentale e una maggiore capacità di identificare le nostre qualità nascoste. 

La cosa positiva è che attraverso la meditazione è possibile coltivare queste qualità con il magnifico  risultato, che di conseguenza cambieranno anche i rapporti con gli altri oltre che con noi stessi. 

La meditazione aiuta a migliorare concentrazione memoria e creatività. 

Come si fa a meditare? 

L’immagine  più comune che abbiamo riguardo alla meditazione e che per meditare ci si debba mettere in una posizione del loto a gambe incrociate mantenere la schiena dritta chiudere gli occhi e  come per magia, non pensare più nulla per mezz’ora o per il tempo che ci siamo prefissi di meritare. 

Vediamo insieme di creare questa magia! 

 Entreremo in una modalità In cui c’è assenza di pensiero e distrazioni sensoriali non ci sono! 

Lo scopo di queste tecniche meditative è quello di riuscire a mantenere la mente focalizzata su qualcosa anche solo per pochissimi istanti la seconda fase consiste nell’ entrare nello stato meditativo vero e proprio cioè quello dell’assenza di pensiero, il “vuoto”. 

In alcuni casi soprattutto all’inizio può anche succedere che le distrazioni non provengono solo dalla mente ma anche dal tuo corpo, poiché crescono con noi le nostre resistenze, ma è fisiologicamente normale avvertire tutto ciò. 

È necessario farlo con regolarità e con costanza perché i benefici della meditazione si manifestano in tutta la loro bellezza. 

Consigliamo vivamente d’affidarsi ad operatori del settore che ci guidano nell’arte della meditazione, iniziare con un percorso di meditazioni guidate aiuta ad ascoltarci più profondamente. Ottenere benefici con la meditazione è possibile, credici! 

Ti aspetto nelle sessioni!  

                                                                                                                          Il Sogno


Tracciamento

Nessun tracciamento disponibile per questo articolo.

Lascia un commento